Logo_Azienda_Agricola_Stella_250px

Azienda Agricola Stella

Intorno all’anno 1920 nasce l’Azienda Agricola Stella, sita nel comune di Costigliole d’Asti, nel cuore del Monferrato.

Il primo produttore è stato Domenico Stella che, oltre all’arte di saper il vino, era maestro di musica e da allora, il connubio vino e musica, è il simbolo della tradizione agreste dell’azienda. Proprio al suo fondatore, l’azienda ha dedicato un vino rosso (Barbera Superiore) ed uno bianco (Chardonnay) entrambi denominati “Giaiet” che, in dialetto piemontese significa “con i capelli giallo-rossiccio”. 

In origine l’attività della cascina aveva un’impostazione agricola tradizionale, con particolare cura rivolta al settore vitivinicolo. L’impegno costante, sempre rivolto alla ricerca della migliore qualità del vigneto e del vino, è testimoniato dalle medaglie d’oro, conseguite nell’anno 1928, alla prima mostra campionaria di vini di Costigliole d’Asti e all’esposizione alimentare nazionale di Torino. 

Oggi l’azienda si estende per circa 12 ettari coltivati a Barbera, Dolcetto, Grignolino, per ciò che concerne le uve a bacca nera e Cortese, Chardonnay e Moscato per quanto riguarda le varietà a bacca bianca. 

Attualmente l’azienda Agricola Stella è un’impresa a conduzione prettamente famigliare. Il titolare Giuseppe Stella e i figli Massimo e Paolo si occupano delle attività vitivinicole e commerciali. 

Fino a qualche decennio fa l’azienda era mirata alla produzione di vini genuini già con l’idea base di una produzione atta a evidenziare i vitigni autoctoni che di fatto il Piemonte ne è pieno. 

A dimostrazione di questo si può notare che tutti i vini prodotti dall’azienda sono di monovitigno o comunque se uvaggi sono prodotti da uve autoctone del territorio piemontese. 

Attualmente l’azienda produce circa trentacinque-quarantamila bottiglie, ma in questi ultimi anni sono stati fatti nuovi impianti potenziando maggiormente il vitigno barbera che nel terroire in cui è sita l’azienda, cresce molto bene e porta a maturazione degli ottimi frutti.

Dalla nostra dispensa